Home


L' Associazione Sportiva Cime Bianche offre la possibilità di vivere la montagna tutto l'anno; numerose sono infatti le iniziative organizzate dalla nostra Associazione Sportiva:

 

  • uscite giornaliere sulle Alpi Occidentali (Gressoney, Pila, Cervinia...) e non solo!
  • soggiorni in incantevoli località delle Dolomiti (Colfosco in Alta Val Badia);
  • Scuola Sci (Valle d'Aosta, Piemonte, Monginevro);
  • Campionati Bustesi di sci;
  • gite cicloturistiche in MTB al Ticino, Mottarone, Pila (AO);
  • escursioni eno-gastronomiche;
  • visite culturali;
  • Ginnastica P&P (presciistica e posturale);
  • Rafting sulla Dora Baltea a Morgex (AO);
  • nordic walking;
  • dalla Teleferica alla Zipline Lago Maggiore;

e... tante altre attività organizzate dal Gruppo Alpini di Busto Arsizio (VA) 


La stagione sciistica riparte con il Green pass!

La Camera dei Deputati ha approvato il Decreto Legge “Green Pass bis” che, tra l’altro, regola anche l’utilizzo degli impianti di risalita nelle zone sciistiche durante la prossima stagione invernale 2021-2022;

come si legge su tutti i mezzi d'informazione, c’è sollievo e soddisfazione da parte del comparto turistico invernale per la gestione anticipata e pianificata delle riaperture degli impianti, grazie al Green pass. «Sarà in ogni caso una grande sfida, soprattutto dal punto di vista tecnico e organizzativo, la prospettiva certa sull’inizio della prossima stagione invernale, a questo punto, pare essere garantita».

Il testo approvato dalla Camera prevede l’obbligo di Green Pass per chi utilizza gli impianti di risalita nelle zone sciistiche, per i quali la capienza verrà ridotta all’80% di quella massima, mentre non ci saranno limitazioni al numero di skipass venduti. Ad oggi rimangono valide le prescrizioni relative all’obbligo di indossare la mascherina chirurgica a bordo degli impianti di risalita e il rispetto delle distanze agli imbarchi.


la stagione sciistica 2020-2021 è stata sospesa

 

 

 

 

la Scuola Sci e le gite domenicali sono sospese fino alla fine dell'emergenza “coronavirus”